CSS Menus Samples by Css3Menu.com

Incontri collettivi

I percorsi collettivi, seminari e workshop, vengono spesso proposti nei giorni di luna piena o luna nuova, durante i solstizi e gli equinozi, nelle antiche feste dimenticate… Momenti in cui il lavoro sul proprio stato, individuale e di gruppo, può essere potenziato dal movimento e dalla posizione della luna, del sole e dei pianeti conosciuti e…non.

Il ricavato servirà anche a sostenere e mantenere il progetto YURTE AL CENTRO, nato e gestito in toscana. Un luogo dove le persone possono guarire le proprie voci, aprire il respiro, ascoltare con cura il proprio cammino, proporre i propri percorsi e… raccogliere le olive!


HAKA KA MATE danzare le radici
THE BIG MAMA la coppa creativa
EGÒ dalla rabbia al sé
M’AMA NON M’AMA l’amore allo specchio
DIMMI CHE VOCE HAI e scoprirai chi sei
THE DREAMERS il respiro dei sogni
COROCORO canta che ti passa


"Queste storie non avvennero mai, ma sono sempre."
 Sallustio




Haka Ka Mate
danzare le radici

"La Haka è una composizione disciplinata eppure profondamente emozionale.
È l'espressione della passione, del vigore e dell'identità di chi la esegue.
È, al suo meglio, un messaggio dell'anima." (Alan Armstrong)

A partire da alcuni movimenti di questa danza rituale maori, un incontro di esperienze e visioni, attraverso il corpo, la voce e il respiro. E’ un processo decisamente non intellettuale.
Ci si immerge totalmente nella fisicità, ricollegandosi agli impulsi del nucleo e richiamando le proprie radici. Si parla poco, si suda molto e si fanno grandi linguacce ad occhi spalancati. Le mani sul petto, sulle cosce e sulle braccia, come tamburi a far vibrare la pelle, la carne, le ossa, in segno di forza e rinascita della nostra fisicità.
Una danza di rinascita. Nella parte finale ci si rilassa profondamente, praticando il respiro in alcune delle sue possibili direzioni. Il respiro spazzante, il respiro di potere, il respiro dei piedi e della colonna vertebrale. Pulire, energizzare, guarire e potenziare.

Per chi ha il desiderio di liberare la propria voce e il proprio corpo attraverso movimenti e suoni potenti. Per riappacificarsi col corpo, la terra e il nostro istinto di sopravvivenza. Per ritrovare vitalità o per abbassare lo stato di allerta iperstimolata, che ci costringe spesso a vivere in stato di tensione.
Per non allontanare più le paure, per accettarle e amarle fino in fondo, fino a farle scomparire senza lasciare traccia.
Per scaricare le energie stagnanti in modo creativo. Il coro ci permetterà di infrangere la barriera del timore e di esprimerci senza limiti mentali.



PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Ti chiedo se ti è possibile di prepararti con cura.
Il percorso sta tanto nel workshop, quanto nel cammino preparatorio.


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video


torna su





The Big Mama
la coppa creativa e la memoria dell'acqua

Big Mama è una scoperta delicata e profonda.
Una danza a spirale verso il femminino sacro che risiede in noi e che attraverso di noi misteriosamente agisce. Nella memoria dell’acqua ascolteremo il grembo, coppa creativa, sede divina dei nostri progetti di vita, dove sbloccare e riattivare le nostre maestrie e la nostra più arcaica e potente creatività.

Nel silenzio della notte di luna piena, riapriremo con delicatezza il respiro del ciclo.
Ascolteremo il suono del nostro nome, la sua voce, la sua canzone. Lo aiuteremo a ripulirsi nel perdono e nell’amore per la nostra linea femminile. Scioglieremo i nodi antichi e presenti lentamente e delicatamente.
Momenti di grande intensità, complicità e protezione, nel cerchio femminile che ritrova la sua voce collettiva, il respiro di gruppo, la natura accogliente.
Il cerchio dei respiri e dei canti che spontanei nascono durante questa fase del lavoro,
accoglie e ascolta il nostro nome che assume nuovi significati. A volte un nuovo nome fa capolino, prima timidamente e poi con la gioia prorompente di chi rinasce a nuova vita.

Ci immergeremo per pochi attimi nell’acqua armonizzata dalle campane tibetane, profumata con olio di nardo, rosa assoluta e cedro. Come petali di rosa leggeri, nell’acqua riattivata alla sua ed alla nostra memoria dal canto, dalle mani. E le mani ci terremo e ci lasceremo abbracciare e accarezzare i capelli, perché saremo al centro di un grande fiume e ci sentiremo a volte, trascinate da correnti molto forti.
Ci spoglieremo del superfluo e scenderemo insieme nel lago più profondo, dove ascoltare l’eco rassicurante delle Grande Madre. Dove tutte le donne antiche si ritrovano e raccontano di emozioni da vivere e paure da accogliere e superare.

Non saremo mai sole.
Per tutte le donne dai 12 anni in su. Per chi vuole scoprire il proprio potere di creazione, guarire una ferita, sbloccare una situazione, ascoltare meglio il proprio ciclo. Ricordare come respirare e cantare insieme sia dono, cura, rinascita.



PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Ti chiedo se ti è possibile di prepararti con cura.
Il percorso sta tanto nell’incontro, quanto nel cammino verso di esso.


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video


torna su




Egò
dalla rabbia al sé - dal demone all'allaeato

Perché in alcune specifiche situazioni e con determinati atteggiamenti o persone ci irritiamo, ci arrabbiamo o diamo in escandescenza? Ci sentiamo meglio o peggio dopo una sfuriata? Qual’è la vera causa della rabbia che esplode o implode? Perché a volte ci vergogniamo di mostrarci per quel che realmente siamo? O facciamo fatica a parlare di noi? O anche, non riusciamo a dire pienamente di sì o di no e ad esprimere ciò che vogliamo veramente?

Alcune delle ferite che abbiamo ricevuto durante la nostra crescita (rifiuto, abbandono, bisogno, umiliazione, tradimento…) possono ancora influenzare il nostro cammino. Rivelandosi negli atteggiamenti, nelle relazioni e a volte anche nelle malattie che si presentano ciclicamente o cronicamente nella nostra vita.

Attraverso un esercizio semplice e divertente, daremo corpo al nostro demone interiore. Lo immagineremo, gli daremo voce per sapere che cosa vuole e lo nutriremo con ciò che desidera. Ci stupiremo di come riesca a cambiare forma. Scopriremo che in ogni demone si nasconde un alleato, che attende solo di farsi conoscere e ascoltare. Troveremo il momento e il modo di offrirgli più ascolto, amore, cura, comprensione, pazienza, spazio, accettazione e consapevolezza dei tempi e dei ritmi.

L’alleato ci ricorderà come si dice “no grazie” o “sì, grazie”. Con rispetto e amore. Ci farà viaggiare attraverso la flessibilità del perpetuo cambiamento. Ci permetterà di ricominciare a sognare e ci farà sentire che possiamo essere diversi. Ci aiuterà a togliere la maschera, a liberarci e a liberare gli altri. Ci darà uno slancio verso il volo e il gioco. Ci mostrerà la via per la trasmutazione della rabbia e della vergogna.  Verso l’autorizzazione al sé e alle sue sfaccettature. Verso il nostro compito qui, ora.  Nell’ultima parte dell’incontro lavoreremo sulla meditazione e il respiro praticando la creazione dell’uovo protettivo, per utilizzare al meglio le nostre energie e per non sentirci più scarichi, concludendo con una benedizione delle ferite. Liberando attraverso il respiro l’origine della ferita, l’oggetto della ferita, il testimone della ferita.


PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Ti chiedo se ti è possibile di prepararti con cura.
Il percorso sta tanto nell’incontro, quanto nel cammino verso di esso.
Cosa mettere nello zaino:


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video


torna su





M’ama non m'ama
l’amore allo specchio

Perché provo empatia o attrazione immediata con una persona appena conosciuta? C'è un motivo per cui mi innamoro sempre dello stesso tipo di persona? E metto in atto sempre lo stesso schema amoroso? E’ possibile che io abbia avuto matrimoni o relazioni con persone che hanno le stesse qualità di uno o di entrambi i miei genitori? E’ amore ciò che provo per il mio partner o è un incontro che mi permetterà di capire se devo recuperare una parte di me?
Perché vengo costantemente lasciato o ad un certo punto interrompo la relazione?
Cos’è l’amore? E…ci è dato anche solo immaginarlo?

Se immaginiamo che i nostri guai quotidiani possano avere alla loro radice la paura,  possiamo anche immaginare che attiriamo nella nostra vita proprio quello di cui abbiamo più paura.   Paura di un confronto, paura di non essere all'altezza, di essere abbandonati e non amati.  In “amore” ma anche nelle amicizie e nei rapporti di lavoro, è possibile che attireremo persone che incarnano le caratteristiche che cerchiamo, che abbiamo perso o che ci sono state sottratte.  Ma che ci fanno anche molta paura perché le abbiamo caricate emotivamente. A volte in maniera negativa.

Attraverso un gioco di specchi e divertenti maschere esploreremo la carica emotiva storica che portiamo con noi.  In un modo del tutto inusuale e decisamente divertente attraverseremo la gelosia, l’offesa, l'ira, la mancanza di disponibilità, il controllo e i vari comportamenti che derivano dalla paura. Ritrovare l’altro per trovare te stesso.

Prendendo coscienza delle situazioni che continuiamo a ricreare possiamo prendere in mano la nostra vita, capendo meglio i nostri incontri passati e la nostra relazione nel presente. Ricominciare a vibrare, in cammino verso l’autoguarigione e l’apertura della porta alchemica del cuore. Il pupazzo Elmo la sa lunga. Ci lasceremo guidare dal suo abbraccio.

Nell’ultima parte dell’incontro lavoreremo sulla compassione, praticando il pensiero senza attaccamento, il sentimento senza distorsioni e l’emozione senza carica. Concludendo con una benedizione delle ferite. Liberando attraverso il respiro l’origine della ferita, l’oggetto della ferita, il testimone della ferita.


PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Ti chiedo se ti è possibile di prepararti con cura.
Il percorso sta tanto nell’incontro, quanto nel cammino verso di esso.
Cosa mettere nello zaino:


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video


torna su





Dimmi che voce hai e scoprirai chi sei
la voce, uno specchio dell’anima

Giocare con la voce è il primo intento di questa pratica.

Nasale, orale, soffiata, ingolata, squillante, cavernosa, rauca, strisciata, strisciante, falsettata, a denti stretti, aperta, forte, debole, sottile, di palato duro, di palato molle, di nuca, di testa, di pancia, di piedi…

Quali meccanismi abbiamo saputo e dovuto inventare per "costruire" la nostra voce e quali altre innumerevoli "possibilità di voce" esistono?Esiste un collegamento tra la mia voce e la mia storia passata e futura? E il mio presente?

Queste ed altre preziose domande che nasceranno dall'incontro tra esseri vocali, saranno il punto di partenza di una sperimentazione che ci porterà ad una giocosa performance corale.
Il lavoro avrà un antipasto dedicato all’ascolto e alla riapertura del canale respiro. Respiro liquido e spazzante con individuazione e rilascio dei nodi corporei. Condito con un poco di pulizia energetica e un pò di tecnica che non guasta mai.

Dopodiché con i piedi ben poggiati per terra, fermi o in movimento, parleremo canzoni, poesie, testi che avrete scelto di portare. L'imitazione delle altre voci ci permetterà poi di ascoltare e capire meglio la nostra voce. Sempre meno estranea, comincerà ad uscire in maniera meno artificiosa, ci chiedere meno sforzo ed unita alle altre voci creerà la magia di un ensamble unico e irripetibile.

La voce come un gioco. Se questo gioco ti spaventa è il momento di saltare sul palco senza pensare. Come non esiste lo stonato (sì sì è proprio vero!) così tutti, a tutte le età possono trovare, aprire e gioire con la propria unica, bellissima voce.


PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Ti chiedo se ti è possibile di prepararti con cura.
Il percorso sta tanto nell’incontro, quanto nel cammino verso di esso.


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video


torna su





The dreamers
il respiro dei sogni

Sogno o son desto? Esiste una relazione tra i sogni e la realtà?
I sogni possono indicarmi la via alla risoluzione di alcuni problemi o domande irrisolte?
Esiste una relazione tra respiro e sogni?

Se il respiro non fluisce ci blocca, fino a frammentare i pensieri e a creare paure insidiose per il nostro vivere. Ci alleneremo ad ascoltarlo, a ritrovarlo e a sbloccarlo sentendolo arrivare in ogni punto del corpo e intuendone l’immenso potere curativo e creativo.
Attraverso esercizi sul "respiro spazzante" apriremo la via al nostro personale respiro. Il soffio ci accompagnerà nel cerchio vitale che ci permette di entrare e uscire, fluidamente e con sicurezza dai nostri confini. Assaporando la sensazione di benessere che deriva da un "corpo che respira” ci apriremo all’incontro con l’altro. Le campane tibetane, le voci e i respiri accompagneranno le visualizzazioni che ci prepareranno ad entrare con passo leggero nel mondo dei sogni, i cui frammenti racconteranno storie già accadute e altre che ancora desiderano accadere.

Lasciandoci guidare dal momento, dalle immagini, dai ricordi e dalle nostre voci riceveremo preziosi frammenti del puzzle del sé. Un'esperienza particolare da vivere come un gioco, dal quale sappiamo che potremo in ogni momento "risvegliarci ". Il "risveglio" da questo tipo di lavoro è caratterizzato generalmente dalla presenza di sentimenti piacevoli e dalla sensazione di aver trovato degli strumenti nuovi per conoscere sé stessi.


PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Ti chiedo se ti è possibile di prepararti con cura.
Il percorso sta tanto nell’incontro, quanto nel cammino verso di esso.


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video


torna su





Corocoro
canta che ti passa

Il canto costituisce una tra le più diffuse e antiche pratiche spirituali e curative. Viene usato ovunque e in modi completamente differenti, facendosi spesso canale di comunicazione anche tra persone estremamente diverse. Quando cantiamo si apre un dialogo con parti antiche dentro di noi e il corpo diventa uno strumento di connessione con il nostro cuore e quello degli altri. Ci si può connettere con altre dimensioni e con gli spiriti guida. Si tratta di un’esperienza grandiosa di comunicazione che ci onora e ci eleva.

Il Corocoro è una speciale occasione per ritrovarsi in questo cerchio. Ancor meglio se davanti o intorno ad un fuoco. E’ un coro che non ha età né credenze di alcun genere. E’ stato, sarà ed è uno spazio aperto a tutti, in cui le persone possano giocare, raccontarsi e condividere. Lavorare e sperimentare sul respiro. Fare domande sulla propria voce e permettersi finalmente di lasciarla uscire insieme a quella degli altri.

Un canto Corocoro non cerca di essere intonato o di andare a tempo secondo le convenzioni della musica. Il tutto accade in maniera semplice proprio perché si è molto liberi di improvvisare e di lasciarsi andare insieme al gruppo. Vi saranno momenti in cui i vocalizzi potranno essere percepiti come emissioni strambe o fastidiose. Ma la bellezza di questi incontri è che i momenti si alternano tra silenzio, rumore ed armonia dal quale nasce un ensamble unico e irripetibile. Un momento incredibile durante il quale ci faremo canale consapevole e libero dal giudizio E’ importante ricordare che non impareremo a cantare, perché siamo già in grado di farlo e così accadrà che canteremo sempre meglio... 

Il corocoro nasce e abita le case di chi ha voglia di cantare. Una persona tira l’altra e il gioco è fatto.



PREPARARSI ALL’INCONTRO:

Il Corocoro non è un seminario e quindi non ti chiede una vera preparazione, se non quella di leggere il testo e ascoltare la canzone che viene scelta per l’incontro.


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video
s

torna su