CSS Menus Samples by Css3Menu.com

Yurte al centro

Progetto di accogllienza

Questo luogo nasce in cima alla collina degli ulivi, in un luogo silenzioso delle colline toscane, ad una mezz’ora dal mare. A volte d’inverno, il profumo del sale arriva silenzioso e pungente insieme al maestrale. Le piante della pace ogni due anni ci regalano una raccolta a mano, un raduno di famiglie, di partenze e di arrivi, in cui i canti e i respiri accolgono la frangitura di un buon olio. Da assaggiare con la bocca, da massaggiare con le mani.

Pini marittimi e piante da frutto respirano insieme a chi sale lentamente verso la cima della collina. E’ bello non aver fretta e permettersi una sosta al grande fico dove un despacho nato durante un temporale primaverile, ci ricorda di riposare in silenzio, concentrando tutte le energie prima del balzo felino. Tutto intorno la lavanda aiuta il cuore a calmarsi e ad aprire la via al nostro incontro con l’anima. Si sale ancora, accompagnati da un lupo. In carne ossa o in presenza sottile, verso la grande yurta.

Uno spazio di dieci metri di diametro, alto cinque, costruito con materiali navali, legno d’abete rosso e lana.
Il Tonoo, la grande cupola in cima, permette alla luna e al sole di entrare all’interno a scandire i ritmi, ad accendere e a spegnere le luci, a creare la spirale che danza al di sopra della danza. Un fuoco attende di essere acceso nei mesi invernali. Di qui passano i seminari, gli incontri, le stagioni dei progetti immaginati che poi si concretizzano. Qui si incontrano le storie e si tessono fili che andranno ben più lontano. Oltre l’orto, oltre lo steccato, nel mondo piccolo e grande, a brillare come luce nella luce, che ne accende altre.

L’ascolto. La cura in ogni gesto. Il rispetto di ogni differenza. Il cibo e il vino. La risata e il silenzio. Il rilascio e le lacrime. Il cerchio. Che accoglie e lascia andare. Tutto torna, tutto è già accaduto. A volte qui, nella luce autunnale che chiede un raccoglimento più profondo, puoi sentire l’eco dei segnali che ti sei lasciato tu. In un tempo altro. Benvenuta, benvenuto e bentornati a voi che vorrete venire a trovarci. Buon cammino, a volte scalzo. Camminando insieme verso casa sapremo cosa può essere creato o lasciato andare.
Una carezza leggera. Un respiro profondo.

Vieni a trovarci per la raccolta delle olive, la proposta di un tuo lavoro, una peformance, un seminario.

Oppure sostieni il progetto per il continuo work in progress.
IBAN IT74H0200820200000101572178
Intestato a Beatrice Volpi


Calendario Eventi
Facebook
Galleria Fotografica
Video